RUSSIA – L’Ambasciatore Pasquale Terracciano e la Stella d’Italia

Pasquale Terracciano
Pasquale Terracciano

MOSCA – Consegnata all’Ad della Rdif Dmitriev

L’amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund (RDIF), il fondo sovrano della Federazione Russa, Kirill Dmitriev, è stato insignito dell’Ordine della Stella d’Italia, onorificenza nazionale della Repubblica Italiana. A Kirill Dmitriev è stata conferita una delle più alte classi dell’ordine,quella di “Commendatore”, per i suoi particolari meriti nello sviluppo delle relazioni d’amicizia e della cooperazione tra l’Italia e la Russia. L’Ordine è suddiviso in cinque classi: Cavaliere, Ufficiale, Commendatore, Grand’Ufficiale e Cavaliere di Gran Croce. L’onorificenza viene concessa dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, su proposta dell’ambasciatore d’Italia nella Federazione Russa, Pasquale Terracciano, sentito il Consiglio dell’Ordine presieduto dal ministro degli Affari Esteri, Luigi di Maio. Kirill Dmitriev è stato insignito dell’Ordine per il contributo significativo del RDIF allo sviluppo della cooperazione bilaterale russo-italiana negli investimenti e a titolo di riconoscimento da parte della Repubblica Italiana del supporto del RDIF nella lotta contro la pandemia del coronavirus. Grazie alle azioni congiunte del RDIF e del Ministero della Difesa della Federazione Russa sono stati recapitati tempestivamente in Italia (città di Bergamo) i sistemi di test mobili EMG ad alta precisione prodotti con il supporto del RDIF e utilizzati dal gruppo si specialisti inviato dal Ministero della Difesa della Federazione Russa. Sotto la guida di Kirill Dmitriev il RDIF sviluppa la partnership con importanti istituti di sviluppo italiani (Cassa depositi e prestiti e FSI), implementa una serie di significativi progetti congiunti in Russia, tra cui infrastrutture di trasporto (insieme ad ANAS), industria dell’energia elettrica (insieme a Enel), allevamento (insieme a Inalca) e industria alimentare (insieme a Barilla). Il RDIF collabora inoltre in maniera attiva con le società italiane nel campo delle tecnologie mediche ai fini della ricerca dei nuovi strumenti della lotta contro il coronavirus. Così, insieme ad uno dei leader mondiali nella produzione dei prodotti derivati dal plasma sanguigno, la società italiana Kedrion, il fondo di investimenti FSI sta portando avanti l’avviamento del progetto in Russia riguardo al trattamento del coronavirus con i medicinali derivati dal plasma sanguigno umano. La cerimonia ufficiale del conferimento si terrà a Mosca presso la sede dell’Ambasciata d’Italia dopo l’abolizione delle misure restrittive introdotte nella Federazione Russa per frenare la diffusione dell’infezione da coronavirus.