Premio Cittadino europeo 2013

medaglia-primo-cittadino-europeoDaniel Vogelmann, l’associazione “Avvocato di strada Onlus” e Suor Eugenia Bonetti, Presidente di “Slaves No More Onlus” sono i tre vincitori italiani, fra i 43 premiati in Europa, dell’edizione 2013 del Premio del Cittadino europeo.

Dal 2008 il premio viene assegnato a cittadini singoli o a gruppi che si sono distinti per rafforzare l’integrazione europea e il dialogo tra i popoli, mettendo in pratica i valori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. I vincitori del Premio saranno premiati con una medaglia d’onore in occasione della cerimonia ufficiale organizzata da ogni Paese membro e saranno invitati alla sessione solenne del Parlamento europeo il 16 e il 17 ottobre a Bruxelles.

I vincitori sono stati scelti mercoledì 5 giugno a Bruxelles dalla Cancelleria del Premio, presieduta da Anni Podimata, vicepresidente del Parlamento europeo (S&D). Gli altri componenti: i vicepresidenti Alexander Alvaro (ALDE), Isabelle Durant (Verdi/ALE), Othmar Karas (PPE), László Surjan (PPE); gli ex presidenti del PE Hans-Gert Pöttering (PPE) ed Enrique Baròn Crespo; Annemarie Jorritsma, Co-presidente del Consiglio europeo dei comuni e delle regioni e Peter Matjašič, Presidente dello European Youth Forum.

Per l’Italia, la Giuria nazionale incaricata della selezione dei finalisti 2013 era composta dagli europarlamentari Paolo Bartolozzi (PPE), Silvia Costa (S&D), Niccolò Rinaldi (ALDE) e Oreste Rossi (EFD).

 

Nota sui vincitori italiani

Avvocato di strada onlus. L’associazione ha istituito in 31 città italiane sportelli legali permanenti presso mense, dormitori e centri diurni, ai quali partecipano più di 700 avvocati che forniscono gratuitamente ascolto e assistenza legale alle persone senza dimora.

Daniel Vogelmann. La Giuntina prende il nome dalla tipografia del padre di Daniel, Shulim Vogelmann, ex deportato ad Auschwitz dove perse la prima moglie, Anna Disegni, e la figlia Sissel di otto anni. Nel 1980 Daniel Vogelman decide di fondarla per pubblicare “La notte”, capolavoro sulla Shoah di Elie Wiesel. La Giuntina è l’unica casa editrice europea specializzata in cultura ebraica.

Suor Eugenia Bonetti. Presidente di “Slaves No More Onlus”, missionaria della Consolata, coordinatrice dell’Ufficio Tratta Donne e Minori dell’USMI. Le religiose entrano nel Centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Ponte Galeria ininterrottamente tutti i sabati, per incontrare le donne immigrate in attesa di espulsione, offrire ascolto e conforto e condividere un momento di preghiera ecumenica, specialmente con le donne africane di lingua inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *